Seconda parte…

Aborto, lacrime e solitudine…

Solitudine…Quando si sta soli, a volte si cerca di separarsi da tutto e tutti anche solo per mezz’ora, un ora, o un giorno intero. Per alcuni è facile, bisognoso ecc… Stare da soli, alcuni lo cercano proprio. Ma alcune persone hanno serie difficoltà a stare da soli e cercano disperatamente persone che gli ascoltano, che stanno con loro, che escono x una cena, che vengono a casa e guardano un film tutti assieme. Nei momenti di solitudine ascolti il tuo corpo, il tuo respiro, senti i tuoi pensieri.

Aborto… Molto doloroso anche se passano gli anni, molto doloroso anche se lo perdi nelle prime settimane, doloroso per chiunque. Nelle coppie quando una donna perde il bambino o fa un aborto programmato, il partner cerca di sfuggire al discorso, all’ascolto e al sostegno della propria donna… Ma è utile avere un supporto per una donna in quanto può aver bisogno di parlarne…anche più volte e magari piangere. Un partner non dovrebbe obbligare ne tanto meno arrabbiarsi con la donna per fare in modo che vada ad abortire. In caso un dialogo non fosse possibile all’interno della coppia per il troppo dolore o la troppa vergogna, non stiate in silenzio…. Ci sono esperti che vi aiuteranno a superare questa cosa… Non è facile ne tanto meno poco doloroso, ma stare meglio e convivere con questo peso è possibile.

Lacrime…già prima o poi tutti piangono… Anche quelli che fanno i duri, anche le persone che fanno lavori di aiuto (come medici, infermieri, assistenti di cura, fisioterapisti ecc…), piangono i bambini, gli anziani ecc… Piangono per fino le persone più orgogliose…. Alcuni piangono spesso o per cose che ad alcuni non fa ne caldo ne freddo, e di certo non deve ne vergognarsi, ne smettere, ne tanto meno devono aver paura che le persone accanto si stufano o lo/la lascia solo/a, xke c’è sempre qualcuno che ti accetta x come sei. Ci sono persone che si emozionano guardando film, fotografie, ascoltano canzoni, leggono ecc…, e allora? Ben venga! Certo non tutti hanno il coraggio e/o la forza di piangere ne tanto meno di parlare di come si sente, ma non vuol dire che non devi sfogarti, certo è vero, piangere fa bene, fa togliere i nodi dalla gola e non senti piu le lacrime che ti salgono dalla pancia, ma se non riesci allora scrivi, disegna, cammina, ascolta musica, respira senza aver paura di sentire le lacrime in arrivo e senza cacciarle indietro… Non mollare… Vuoi piangere? Piangi! Vuoi parlare per sfogarti e alla fine piangi? Va bene! Vuoi bere qualche bicchiere in compagnia e poi ti sfoghi piangendo? Beh forse va meno bene ma almeno poi a parte il cerchio alla testa sei piu leggero/a e libero/a.

Un abbraccio isa

Pubblicato da Isabella C

Sono una ragazza solare, 37 anni, vivo dove lavoro con i miei genitori. Mi piace scrivere fare braccialetti con le perline guardare film e serie TV fotografare, fare album fotografici. Mi piace visitare i musei, gli acquari, andare al circo e camminare nei boschi. Mi piace aiutare chi si trova un po' in difficoltà. Faccio massaggi per aiutare chi ha dolori

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: