Coraggio, parlare…

Coraggio,… il coraggio di alzarsi ogni mattina, e avere la forza di sorridere sempre, anche quando non è facile. Il coraggio di andare davanti a tutti e parlare, dire quello che pensi, quello che provi, condividere con il gruppo o Con gli amici. Il coraggio di alzarsi dopo ogni caduta, fisica, o morale, e a dari avanti. Avere il coraggio di buttarsi a capofitto su un nuovo lavoro, una nuova scuola, senza mai pentirti della scelta. Coraggio è affrontare discorsi difficili, che fanno male o ti fanno provare vergogna. Il coraggio di affrontare a testa alta i problemi di salute, di lavoro, di famiglia ecc… Sapendo che l’amore è l’amica vincono su tutto e tutti. Il coraggio di chiedere aiuto quando sei in difficoltà, quando hai paura di non farcela, quando devi prendere decisioni importanti, di chiedere a qualcuno di starti vicino quando hai paura del temporale. Il coraggio di piangere quando sei triste arrabbiato o felice, indipendentemente da chi hai vicino. In fine, ma non meno importante, è il coraggio di cambiare il tuo aspetto, di crescere, professionalmente e psicologicamente. Basta che credi in te e nelle tue capacità… Non ci credi? Fatichi a vedere le tue qualità? Non temere, la tua famiglia, i tuoi amici, i tuoi parenti, gli esperti, ti faranno capire che sei una roccia, forte, coraggioso/a. RICORDA… TUTTI HANNO UNA QUALITÀ O PIÙ… BASTA SAPER GUARDARE DENTRO DI TE.

Parlare… Ininterrottamente come una radio, ad una riunione, ad una fiera del libro, a parlare davanti ai professori mentre ti interrogano. Parlare ti salva la vita. Non nascondere mai e poi mai ciò che provi, che sia bello o meno bello, parla di come sei arrivato/a fino ad oggi, non vergognarti di nulla, o non ne fare una malattia. Se non parli e stai in silenzio, o ridi solamente per non piangere o non dire che non stai bene, ti mangia dentro. Se non riesci a parlare, scrivi, se sei stanco/a di scrivere esci di casa e vai a camminare, nel bosco o in un parco dove non c’è quasi nessuno. E respira… Chiudi gli occhi e respira, lasciati trasportare dai canti dei uccelli, dai rumori di altri animaletti, parla con loro, con gli alberi, con i fiori allarga le braccia anche con gli occhi aperti e lascia che il vento ti accarezzi i capelli, lascia volare le tue lacrime, che diventano farfalle meravigliose o fiori bellissimi. E allora, ricorda Non sei solo/a c’è sempre qualcuno che sarà pronto/a ad ascoltare le tue parole.

UN ABBRACCIO ISA

Pubblicato da Isabella C

Sono una ragazza solare, 37 anni, vivo dove lavoro con i miei genitori. Mi piace scrivere fare braccialetti con le perline guardare film e serie TV fotografare, fare album fotografici. Mi piace visitare i musei, gli acquari, andare al circo e camminare nei boschi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: